Nel mulino che vorrei ogni giorno è Borgo Day

0
53

Ormai per me il BdB day è un impegno fisso, un circoletto rosso sul mio calendario birrario dell’anno: lo aspetto per rivedere vecchi amici e per incontrarne di nuovi. Anche quest’anno l’ho iniziato il venerdì facendo visita al nuovo locale Buskers, passando poi per Trastevere e finendo al Mastro. E come al solito vado a dormire parecchio torbato e due ore dopo quello che era il limite che mi ero imposto.

Ma il viaggio permette, più o meno, di riprendersi.

Arrivando da Roma, all’uscita autostradale Valle del Salto è come se si aprisse un varco verso una dimensione diversa. Borgorose è infatti uno stato mentale, è quel posto dove succede sempre qualcosa, dove mi diverto, dove c’è sempre gente amica e dove, per assurdo, il concetto di birra viene scomposto e ricostruito.
In uno dei birrifici più grandi d’Italia, leader di settore e di respiro internazionale, entro in quella sensazione di pace con il concetto di birra da bere che in così pochi altri posti riesco a trovare. In pratica Borgorose è una specie di Nicchia senza il salame ma con l’agnello.

I tre giorni al Borgo sono stati intensi. La festa è stata ben organizzata, con 63 (!) birre alla spina e cibo ottimo (però non voglio più sentir parlare di galletto per un mese minimo, ne abbiamo fatto indigestione!). Abbiamo spillato come pazzi fin dall’apertura e ho servito decine di litri di Overdose di Opperbacco e soci ad un pubblico eterogeneo e curioso.

Ma l’importanza del BdB Day sta sempre nel fatto che riesce a far condividere sacro e profano della birra in modo naturale, rendendo una festa di paese il palcoscenico ideale per birre e personaggi birrari. Sembrano lontanissimi i tempi “stile grigliata con gli amici” di Colle Rosso (la vecchia sede del birrificio) ma non lo è lo spirito di festa.

C’era il Bonci, icona gastrofigetta, a friggere l’impossibile e Roy Paci, quello che vedi in tivvù, a sonorizzare i pomeriggi. Ma c’erano anche il prato, i bicchieri di plastica, il “famme ‘na birra qualunque”. Opposti solo sulla carta che si ritrovano in equilibrio senza alcuno sforzo. Poi c’era Andreas Gänstaller , birraio e amico, a chiudere il cerchio emozionale con i suoi abbracci che quasi non ti vogliono far andare via mai.

Ci sono stati i laboratori, molto interessanti, il cibo sempre adeguato, un bel teaser di Beer in Italy e tante tante birre di ottimo livello. Ma il senso di questo report non è quello di essere una “fredda” lista di “celo celo manca”.

Il BdB day è uno stato mentale, dicevo, e quindi ha una valenza personale che rimane mia.
Il mio consiglio è quello di fare un “salto” a Borgorose, per uno dei tanti eventi che vengono organizzati da Leonardo e dal suo staff. Vedrete un mondo birrario diverso, o con un approccio diverso. Che a me piace tanto.
E se invece non lo vedrete, comunque qualcosina da bere c’è sempre.

Tower of Love
Tower of Love 2013
TowerSlave
TowerSlave

 

Flower Tower
Flower Tower 2013

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.